Home News del 2008 IL CIS CHIAMA LE SCUOLE
IL CIS CHIAMA LE SCUOLE PDF Stampa E-mail

IL CIS CHIAMA LE SCUOLE
Cerioni: “Fondamentale l’attenzione all’ambiente”

MOIE - E’ stato firmato ieri il protocollo tra il Cis e cinque istituti comprensivi per Cisincontra 2008. Un meeting per migliaia di scolari e centinaia di docenti impegnati su due temi: la valorizzazione del territorio e l’energia pulita. Una società, il Cis, composta da 12 Comuni e il mondo della scuola. Un connubio eccezionale che produce sensibilizzazione, partecipazione e impegno.

Ieri, nella sala conferenze della nuova sede del Cis di via Fornace, c’erano tutti i protagonisti, dagli alunni alle istituzioni: il presidente del consiglio regionale Raffaele Bucciarelli, il presidente del Cis Sergio Cerioni, Pietro Luigi Aquilanti per la Provincia di Ancona, Nicola Brunetti dirigente dell’Istituto comprensivo Moie Castelplanio Poggio San Marcello, Filiberto Arcangeli dirigente istituto comprensivo Cupramontana Staffolo, Stefania Sbriscia dirigente dell’istituto comprensivo Serra San Quirico Mergo Rosora, Luigina Massaria dell’istituto dirigente dell’istituto comprensivo Monteroberto Castelbellino San Paolo, Silvia Faggi Grigioni dirigente dell’istituto comprensivo Arcevia Montecarotto, don Fabio Belelli per la scuola dell’infanzia “Domenico Pallavicino” di Moie, Esuperanzio Bonci per la materna “S.Caterina” di Cupramontana. C’era anche una rappresentanza degli alunni, cinque classi, una per istituto comprensivo e alcuni alunni delle materne.

Il presidente Cerioni ha salutato i convenuti e ha ricordato come il Cis sia stato sempre attento, nei fatti alle problematiche ambientaliste. “In un quarto di secolo di storia, il Cis ha metanizzato l’intero territorio dei 12 Comuni associati, realizzato una centrale idroelettrica, cambiato le illuminazioni pubbliche ora a basso consumo, un impianto fotovoltaico in fase di realizzo, il percorso ciclopedonale etc. Ma lo sviluppo complessivo di un territorio è possibile se c’è una convergenza di sinergie pubbliche e private” ha concluso il presidente Cerioni tra gli applausi. E di sinergia con il territorio ha parlato Aquilanti ricordando come la Provincia abbia a cuore “le buone pratiche di convivenza con il territorio ricco di beni paesaggistici, culturali e artistici. Per conservarli e valorizzarli servono sinergie convergenti che poi si relazionino con la scuola come nel caso di questa iniziativa”.

Nicola Brunetti ha parlato a nome e per conto di tutti i dirigenti scolastici. Ha sottolineato il contributo di 2.500 euro che il Cis dà a ogni istituto comprensivo per poter acquistare materiale didattico, e i kit di montaggio di mini apparecchiature alimentate a energia solare. Ma Brunetti ha fatto anche una proposta: far diventare la scuola soggetto attivo nella raccolta differenziata. Una proposta da girare a chi di competenza, con la speranza che venga accolta. “Se ci fornissero i raccoglitori di colore diverso” ha concluso il dirigente, “nelle scuole noi potremmo anticipare quanto si dovrà poi fare in famiglia”. Semplice, intelligente e anche facile. Si attendono risposte rapide da Cir 33, il consorzio (formato da 33 Comuni) che si occupa della differenziata.

E’ stato Raffaele Bucciarelli a concludere la cerimonia. “Ho voluto esserci perché questo protocollo è molto importante “ha detto il presidente del Consiglio regionale, “Il saluto mio e della Regione non è una formalità, ma è sentito. Perché siamo passati dalla contraddizione Proprietà-Lavoro di un trentennio fa, a quella Uomo-Ambiente attuale e preoccupante. Non può essere il consumo il fine ultimo dell’umanità, ma il diventare soggetti consapevoli di dove e come viviamo. E questa iniziativa fa delle scuole soggetti attivi” ha concluso Bucciarelli”.

“Dove sono i giacimenti del metano che arriva a casa nostra?”. “Perché non usiamo il vento per produrre energia elettrica?” Sono due domande di scolari, concrete e pragmatiche. Il presidente Cerioni ha risposto a modo, ma questo significa come la scuola abbia ancora necessità di informazioni concrete e basilari. Cisincontra 2008 servirà anche a questo.

Riunione - Cis incontra

 

CIS S.r.l.

Cis Srl SOCIETÀ IN HOUSE PROVIDING
CAP. SOCIALE € 31.034.537,00 I.V.
ISCRIZIONE R.D. ANCONA 127653

Via Fornace, 25
60030 Moie di Maiolati Spontini (AN)
P. iva e C.F. 00862980422
Tel. +39 0731 778710
Fax. +39 0731 778750
Mail: cis@cis-info.it
Mail Pec: cis-srl@pcert.postecert.it

CIS Servizio Entrate

Tel. 0731 778720
Fax. 0731 778733
Mail: servizioentrate@cis-info.it

Utenti in linea

 534 visitatori online

Questo sito utilizza cookie per saperne di più leggi qui. Si informa che la prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.
Per avere maggiori informazioni sui Cookies e su come cancellarli, leggi la nostra Politica sulla Privacy.

Accetto i Cookies per questo sito.